Kambo e Iboga

Medicine Sciamaniche in Sinergia
Kambo e iboga libro

Inserisci i tuoi dati e Scarica Gratuitamente le prime 20 pagine del Nuovo Libro di Giovanni Lattanzi

Roma, Bibliosofica 2016

ISBN 978-88-87660-43-2

Disponibile nelle migliori librerie a € 20,00

Oppure qui in formato ebook

di Giovanni Lattanzi

Kambo, Campu, Sapo, Vaccino della foresta : sono questi i nomi che stanno ad indicare la secrezione gelatinosa di una rana che vive nella parte nord-occidentale della foresta amazzonica, al confine tra Perù e Brasile, in Bolivia e Colombia. Il nome scientifico di questo anfibio è “Phyllomedusa Bicolor‘’ oppure Giant Monkey Frog.

Il Kambo risulta il più forte antibiotico e anestetico naturale finora conosciuto nel mondo ed è anche il più forte medicinale naturale per potenziare il sistema immunitario.

kambo

Gli effetti del Kambo

Il Kambo ha effetti a breve e lungo termine. Come scrive Peter Gorman nel suo articolo ‘Making Magic’: a breve termine gli effetti sono:

  • stato di allerta
  • buon umore
  • maggiore resistenza alla stanchezza
  • elevata capacità di concentrazione
  • aumento di energia
  • una chiarezza mentale che può durare per diversi giorni e anche settimane.

Gli effetti a lungo termine sono la resistenza alla fatica e il miglioramento delle proprie condizioni di salute. Con il Kambo abbiamo la possibilità di risvegliare il potenziale naturale del corpo. Le persone che ricevono regolarmente questo ‘vaccino ‘ come anche viene spesso chiamato, hanno meno probabilità di ammalarsi e hanno molta energia in più per affrontare la vita. Il ripristino dell’equilibrio naturale e il rafforzamento del sistema immunitario prevengono l’insorgenza di disturbi dovuti ai virus. Perfino il cancro non ha le condizioni per crescere e se c’è presenza di cancro nell’organismo, se trattato in tempo, questo diminuisce e scompare.

Per ottenere i migliori risultati si consiglia di utilizzare il Kambo con regolarità e in caso di malattie pesanti, di dipendenza e/o intossicazione da farmaci chimici, può essere utile fare una cura intensiva. Durante il trattamento, il Kambo entra nel corpo attraverso il sistema linfatico, scansiona il campo energetico e inizia ad operare dove c’è un blocco, esattamente laddove ce n’è bisogno. Il processo di guarigione che si innesca è diverso per tutti e il trattamento deve essere prolungato o intensificato di conseguenza. Alcune persone guariscono dopo un solo trattamento, soprattutto pazienti con problemi agli occhi e alle orecchie. Per le persone affette da dipendenze i risultati sono piuttosto rapidi. Il Kambo ristabilisce il funzionamento naturale degli organi, il sistema endrocrino e il sistema immunitario.

Cosa il Kambo non può fare è rimuovere l’origine di blocchi emotivi, provenienti da esperienze traumatiche. Con l’espulsione della bile dal pancreas si ottiene un notevole alleviamento dalle emozioni negative, ma la radice del problema che crea rancore e paura rimane. Per rimuovere blocchi emotivi profondi c’è un’altra ‘Medicina Sacra’ usata, anch’essa da millenni, dagli abitanti del Gabon: la Tabernanthe Iboga. Le proprietà di questa straordinaria pianta e del suo derivato chimico, l’Ibogaina, iniziarono ad essere studiate scientificamente nell’Ottocento.

Applicazione del kambo

applicazione kamboLa secrezione del Kambo viene fatta essiccare su bastoni di legno e può venire utilizzata in seguito riportandola al suo stato gelatinoso mescolandola con alcune gocce di acqua o di saliva. La ‘medicina’ viene applicata su piccoli fori fatti sulla pelle con la punta un bastoncino infuocato. L’effetto è immediato. La sostanza entra nel corpo attraverso il sistema linfatico. Il corpo si scalda, il cuore batte veloce, sorgere un senso di leggerezza e poi di nausea, che se troppa cessa quando la persona rigetta l’acqua che ha bevuto in anticipo o deve andare al bagno. Il momento più intenso del processo dura circa 15 minuti.

Gli indios conoscono modi diversi per somministrare questo vaccino e ogni tribù ha sviluppato rituali diversi corrispondenti a diverse funzioni. I katukina e i Matsés applicano ripetutamente il Kambo durante la notte che precede le loro battute di caccia. Questo è il trattamento più intensivo. Il numero delle bruciature, la frequenza e lo scopo dei trattamenti variano nelle diverse tribù. Ma la ragione principale per tutti e’ quella di sbarazzarsi di ‘Panema’, un termine che potremmo tradurre con sfortuna, ma copre in realtà aree di significato da noi indicate da parole quali depressione, pigrizia, tristezza, irritazione.

Gli indios la considerano una condizione negativa che attrae difficoltà e malattie. La immaginano come una nuvola che copre il nostro campo energetico. Quando le cose non vanno bene, quando il cacciatore non coglie il bersaglio, quando il ragazzo si comporta male, allora è il momento giusto di prendere il Kambo. Tra i Matses il Kambo viene usato per disciplinare i ragazzi.

Il kambo favorisce un processo di trasformazione

Come afferma Marcelo Gomes, la medicina Kambo stabilisce un riallineamento dei chakra, marca una riorganizzazione fisica e psicologica, grazie alla quale le persone cambiano abitudini alimentari e modi di pensare’. L’elemento con cui questa medicina e’ collegata e’ il fuoco. La combinazione di fuoco e acqua provoca una trasformazione alchemica. Attraverso un processo di combustione interna, tossine depositate a lungo nel corpo vengono espulse insieme all’acqua ingerita. E’ un processo di disintossicazione che non funziona solo a livello fisico ma anche a livello spirituale. L’applicazione della secrezione ci ricollega alla saggezza naturale del corpo, e ci fa vedere allo specchio abitudini negative, ci mostra cosa evitare e cosa fare per migliorare la nostra salute e la consapevolezza di noi stessi.

Accade spesso che durante i trattamenti riceviamo degli ‘insights’. L’insight e’ un messaggio che ci fa vedere cose che prima non vedevamo. Eccone un paio di esempi:

I trattamenti di Kambo fanno accadere dei cambiamenti nella nostra vita in modo naturale, senza sforzo. In genere siamo abituati a pensare in maniera dualistica: ‘Voglio cambiare questo, ‘Voglio smettere di fumare’, etc. Tentiamo di raggiungere un certo obiettivo con la forza di volontà, in realtà stiamo mettendo in atto un combattimento contro noi stessi. Abbiamo fatto così per generazioni, chi più chi meno ci portiamo dietro questo bagaglio.

Con il Kambo è una saggezza naturale che si mette alla guida del nostro processo di guarigione. In maniera naturale diventiamo sempre più attenti, sappiamo ascoltare meglio i messaggi che il corpo ci manda. Un veleno esterno verrà riconosciuto più chiaramente come un veleno etc. Senza pensare sappiamo cosa fare e cosa non fare in una determinata situazione, facciamo la cosa giusta al momento giusto.

L’energia spirituale del kambo

“E come avere il libretto delle istruzioni in mano”. Diventiamo capaci di abbandonare abitudini malsane e nello stesso tempo ci liberiamo dalla schiavitù di idee che ci hanno imprigionato e che non rappresentano la nostra natura, ma qualcosa di fittizio che vi ci si e’ attaccato sopra.

Le nostre idee, tanto più vi siamo attaccati, rappresentano il principale ostacolo che blocca la guarigione. Il messaggio che mandiamo a noi stessi tramite i pensieri che produciamo determina la nostra vita. Ci muoviamo in uno spazio di possibilità limitato dai presupposti impliciti e spesso non consapevoli creati dal nostro pensiero. Una guarigione senza l’intenzione di guarire non è possibile. Così come non è possibile guarire se non crediamo di poterlo fare – da soli o con l’aiuto di qualche santo.

L’ego si arrocca nel suo castello difensivo e si erge ad imperatore nel nostro territorio che è in realtà molto più vasto dell’ego. La guarigione diventa allora una sorta di minaccia. Guai a chi prova a toglierci l’osso. Il Kambo ci offre l’energia che di solito non abbiamo, ma di cui abbiamo assolutamente bisogno per fare un processo di trasformazione interiore. Rimuovendo la nube chiamata ‘Panema’ dal nostro campo energetico, diveniamo più aperti a ricevere l’energia che siamo oltre definizioni e concetti, che in termini spirituali viene chiamata Spirito.